Aurelio Nicolini tuona: “C’è poco impegno, dalla prossima tutti sotto esame”

Dopo la brutta figura di Ostia, in casa Atletico Ladispoli arriva puntuale lo sfogo del presidente Aurelio Nicolini. Al numero uno biancorosso non è piaciuta per niente la prestazione della sua prima squadra che, contro una Pescatori ridotta in nove uomini per via di due cartellini rossi, è riuscita nell’ “impresa” di perdere la partita al 90′ in doppia superiorità numerica. “Non sono soddisfatto, anzi, sono molto arrabbiato – tuona Nicolini – Domenica giocavamo contro una squadra in nove, ma noi sembravamo 7.

E dire che la gara si era messa anche bene, perché eravamo riusciti subito a pareggiare e loro perdevano due uomini. E’ davvero un periodaccio. L’allenatore è bravo, i giocatori ci sono, ma vedo poco impegno e non capisco a cosa sia dovuto. Anche prima di queste due sconfitte consecutive la squadra non era tonica.”.

Il patron dei tirrenici è un fiume in piena e sembra davvero intenzionato ad intervenire in prima persona: “Dalla prossima partita saranno tutti sotto esame, giocatori e anche l’allenatore. Questa involuzione dal punto di vista caratteriale non è giustificabile.

Forse pensano che l’obiettivo stagionale sia la salvezza, ma stasera ribadirò a tutti faccia a faccia che non è così: la rosa che abbiamo allestito è competitiva”. E in ultima battuta Nicolini conclude: “Non si può andare avanti così. Serve una sterzata”.

POST RECENTI

Lascia un commento